PJL-41

MILE 7.2 One drop is enough!

Creare sempre nuove tecnologie che cambiano il settore Tissue è lo spirito della nostra tradizione in Fabio Perini.

Roberto Ravazzano, Marketing Dept. - Fabio Perini S.p.A.


Questa continua spinta, frutto dei tanti contributi e delle sfide che riceviamo dai nostri clienti oltre che dai trend dettati dalla distribuzione internazionale, ci ha portato negli ultimi 2 anni ad un’ondata di rinnovamento, con il focus sul crescente bisogno di differenziare il prodotto e dalla sempre maggiore attenzione da parte dei distributori e dei consumatori finali sulle tematiche ambientali.

Da questi bisogni nasce dunque la nuova linea di trasformazione e confezionamento MILE 7.2 che offre dispositivi per il controllo del consumo energetico, pannelli intelligenti che guidano l’operatore nel corso delle sue attività semplificandone la complessità delle stesse, ma soprattutto, la nuova linea è in grado di produrre rotoli senza eguali.

Ciò che non è necessario è stato eliminato all’insegna della semplificazione e linearità di processo: tutto ciò che non aggiunge valore per il consumatore finale, quello che genera quotidiani problemi per i tecnici che lavorano sui macchinari e rappresenta un costo per la produzione fino ad oggi non eliminabile. La risposta è una linea converting senza colla! Niente più colla sulla ribobinatrice, niente più colla per la chiusura del lembo finale e neppure il nastro adesivo per il cambio bobina. La macchina è rivoluzionaria nel suo insieme e porta l’innovazione in ogni suo singolo componente.


Nuovo svolgitore 378. Questo svolgitore di nuova concezione offre un cambio bobina finita senza la necessità di fermare la linea! Infatti dalla massima velocità di lavoro, una volta che si inizia la fase di cambio bobina, la linea di trasformazione in automatico rallenta. Così, senza fermare il processo, il nuovo velo passa dentro la linea e il tutto in meno di un minuto! Per quanto concerne la bobina finita, in automatico è posta su un nastro trasportatore e poi scaricata lateralmente dallo svolgitore su di un apposito carrello. Tutta la fase di cambio ed espulsione bobina finita avviene con estrema sicurezza per l’operatore che non deve entrare all’interno dello svolgitore che inoltre, grazie al posizionamento delle bobine una sopra l’altra, risponde alle esigenze di chi vuole una macchina compatta ma altamente efficiente.


Nuovo goffratore 486. Flessibilità, accessibilità e sicurezza: caratteristiche che hanno reso ambizioso il progetto del nuovo goffratore a cui gli ingegneri si sono ispirati. Manutenzione e sicurezza sono due aspetti importanti, in una macchina che prevede frequenti attività di pulizia e cambio rulli. Il goffratore è stato organizzato affinché gli operatori possano entrare e lavorare nell’unità con il più ampio spazio possibile e con il numero minore di ostacoli grazie al gruppo colla che si sposta per creare l’accesso. Ne risulta una facilità di pulizia del gruppo, operazione necessaria e frequente data la presenza della colla e uno spazio di manovra più agevole per operazioni quali il cambio dei rulli. Il nuovo 486, in grado di lavorare sia in modalità Punta Punta che DESL, risulta equipaggiato da rulli gomma e acciaio per produrre qualsiasi tipo di incisione. Il cambio configurazione da DESL a punta-punta, grazie agli ampi spazi di lavoro, avviene in poco più di un’ora. Operazioni quali la regolazione del NIP dei rulli e la pressione di goffratura avvengono ora comodamente e in sicurezza, senza la necessità di fermare la linea come in passato, ma semplicemente e velocemente con pochi tocchi sul pannello operatore.


Nuova ribobinatrice Mile 7.2. La nuova ribobinatrice MILE 7.2 è in grado di offrire la gamma più ampia di prodotti carta igienica e asciugatutto di alta qualità, unica nel suo genere, perché è la prima ribobinatrice senza colla. La macchina unisce soluzioni ingegneristiche consolidate e integra l’evoluzione del famoso sistema Sincro, il Sincro-EVO oltre al sistema Web Tuck per l’iniziale avvolgimento della carta sull’anima del rotolo, senza colla. I benefici del prodotto senza colla spaziano dall’assenza di contaminazione della macchina, alla possibilità per il consumatore finale di utilizzare fino all’ultimo strappo di carta senza dimenticare ciò che riguarda l’impatto ambientale. I rotoli possono essere prodotti con diametri fino a 200 mm e con la più ampia gamma di perforazioni effettuata con un solo rullo. La ricerca della facilità di uso e flessibilità ha portato alla realizzazione e integrazione di una serie di regolazioni che avvalendosi dello sviluppo di un nuovo software, permettono di regolare le caratteristiche del rotolo semplicemente con pochi tocchi da pannello operatore.


Nuovo 563 per la chiusura lembo finale. L’abbinamento delle caratteristiche della ribobinatrice al nuovo sistema di chiusura del lembo finale, fanno si che il rotolo di carta compia un balzo nel futuro. Infatti grazie ad una azione meccanica il lembo, che nella chiusura tradizionale era unito al rotolo tramite l’uso di colla, ora risulta perfettamente chiuso e GLUE-FREE! Questo semplifica anche l’operazione di inizio di un nuovo rotolo non sprecando i primi strappi di carta come accade con la tradizionale riga di colla. Migliore qualità del rotolo finito e incremento dell’efficienza della linea sono due dei principali vantaggi di questo nuovo sistema. L’eliminazione della colla in questa fase riduce i tempi morti che vengono eliminati evitando i problemi solitamente riscontrati per la presenza di colla nell’accumulatore, nella troncatrice e perfino nel confezionamento.


Nuova troncatrice 176EVO. La nuova 176EVO si pone sul mercato non solo come semplice evoluzione dell’affermata troncatrice, ma con un incremento dell’efficienza, grazie al nuovo sistema di scarto rifili completamente meccanico. Ne consegue una drastica riduzione sia in termini di consumo energetico e di rumore, ma soprattutto una eliminazione dei rifili totale: 100% TRIM FREE. Ulteriore passo in avanti rispetto ai sistemi Trimex precedenti è la rimozione delle limitazioni legate ai rotoli pesanti, perché il nuovo sistema indipendentemente dalla densità , diametro o peso del rotolo è in grado di gestire e scartare tutti i rifili, che possono così essere raccolti e riciclati.


Nuova confezionatrice A6T. L’espressione massima per il confezionamento dei rotoli si esplica nella nuovissima A6T, una macchina flessibile e versatile ad alto contenuto di automazione, che rende “easy” il lavoro degli operatori. Infatti la A6T permette configurazioni fino a 5 canali di alimentazione con 3 strati, confezionando prodotti con diametro fino a 200 mm e con la possibilità di produrre rotoli schiacciati “salvaspazio”. Operazioni quali cambio formato, manutenzione preventiva e individuazione dei problemi, sono facilmente gestibili da pannello operatore grazie all’evoluto software di nuova generazione installato sulla A6T. Infatti gli operatori sono coadiuvati da una guida passo-passo che rendono operazioni prima complesse, di facile realizzazione anche per personale con ridotta esperienza. L’ingegnerizzazione spinta della macchina ha fornito una soluzione con struttura che permette facilità di accesso per la pulizia e la manutenzione grazie ai grandi spazi di manovra, per una libero accesso dell’operatore. Tutti i movimenti correlati per il cambio formato, sono regolati singolarmente, garantendo un prodotto di grande qualità, anche alle velocità più alte (200ppm) e con tempi di cambio estremamente ridotti: per esempio per passare dalla configurazione da 2 (singolo strato) a 4 rotoli (doppio strato) di asciugatutto con lunghezze diverse sono necessari non più di 10 minuti!


Insaccatrice CMB202 & LA02. Dal lavoro congiunto tra Fabio Perini Packaging e Langhammer nasce la nuova soluzione per l’insaccatura che integra in una sola macchina le funzioni quale alimentazione, raggruppamento, organizzazione prodotti tramite braccio robotico e naturalmente il confezionamento. Ecco così una macchina compatta in grado di produrre fino a 20 sacchi al minuto, che grazie all’alimentazione robotizzata è possibile eseguire un numero illimitato di combinazioni di sacchi. è dunque possibile disporre i pacchi all’interno dei sacchi affinché il logo e marchio, siano visibili su tutti i quattro lati del pallet, con ovvio vantaggio per l’esposizione al supermercato. Inoltre se non si desidera insaccare è possibile creare direttamente l’imballo per produrre display pallets o pallets di prodotto sfuso. *



Una nuova dimensione per  la goffratura

Si chiama 4D l’innovativa tecnica di incisione studiata e brevettata da Engraving Solutions che rivoluziona le tecniche di goffratura. La nuova metodologia è stata concepita per mantenere un buon equilibrio dei parametri fisici della carta ed in particolare della resistenza. Attraverso una nuova tipologia di incisione vengono ridotte le sollecitazioni nei punti in cui le fibre sono più deboli  andando a migliorare la resistenza globale del prodotto.

Engraving Solutions vanta un’esperienza decennale a contatto con gli operatori del settore ed una ricerca costante mirata al miglioramento continuo del processo di goffratura grazie al BEST Lab, un laboratorio unico per testare le goffrature e ricercare nuove tecniche.



Commenti:
Accedi o Registrati subito per pubblicare un commento
PERINI JOURNAL 41